Arrivederci Pietro

Arrivederci Pietro

Arrivederci Pietro

In un giorno che ci aspettavamo esser di festa, per l’evento delle “Mini Olimpiadi” di Volpiano, con molti dei nostri piccoli atleti impegnati a gareggiare sulla pista in cui ogni settimana si trovano ad allenarsi, è giunta una notizia che ha lasciato chi ha memoria storica dell’Atletica Volpiano con una grande amarezza. Si è infatti spento nella mattinata di oggi, sabato 10 maggio 2014, Pietro Landra; primo segretario dell’Atletica Volpiano e allenatore di quello che nel decennio degli anni ’70 fu il periodo d’oro della nostra società.

Lasciando lo stile didascalico e distaccato da parte, chi scrive queste righe ha l’onore e in questo caso anche l’onere di farlo come presidente dell’Atletica Volpiano. La data di nascita sulla carta d’identità parla chiaro e non mi è possibile commemorare il ricordo diretto di una persona, di un personaggio, di una personalità che ho sempre conosciuto come “Il Pietro”. Quello che mi è invece possibile è ripensare alla figura di un uomo che per voce di quelli che furono suoi atleti, compagni di avventura nella fondazione dell’Atletica Volpiano e dirigenti, mi hanno sempre raccontato in svariati momenti del mio personale vissuto all’interno della società; prima come atleta, poi come allenatore e infine come presidente.

Al di là dei legami di parentela reali, il mio pensiero verso l’Atletica Volpiano è sempre stato quello di una grande famiglia di cui in un modo o nell’altro molte anime del nostro paese, Volpiano, sono passate a farne parte. In alcuni casi ricevendo qualcosa, in altri donando tempo, dedizione, passione ed energie ad un progetto in cui credevano, contribuendo ad aggiungere il proprio personale mattoncino a quello che nel mio immaginario è sempre stato essere il muro portante dello “Spirito dell’Atletica Volpiano”. In tutto questo Pietro Landra è sicuramente stato uno dei pilastri portanti di quella che negli anni si è poi evoluta come un’idea di società gestita in un certo modo, finalizzata non solo al pensare ai ragazzi come a “macchine da allenare” ma anche e sopratutto come a persone da formare.

Quando da ragazzino calcavo le piste, “Il Pietro” mi veniva ricordato come un vero e proprio “guru” di una generazione di atleti di un paese che correva, una figura dai tratti quasi romanzeschi per la sua passione verso l’atletica leggera. Quando da allenatore mi sono trovato ad incrociarlo ed a parlare di alcuni ragazzi che in quel momento allenavo, ho potuto tastare con mano il valore di quella passione, mentre in piemontese mi chiedeva i “personali” dei miei atleti e già si prefigurava una loro potenziale evoluzione. Tutto questo in aggiunta a tutti gli ex atleti che raccontavano e raccontano di una loro gioventù con un allenatore che li portò in molti casi ad eccellere a livelli anche nazionali, ma che sopratutto fu in grado di trasmettere un’etica dello sport che ripensata ai giorni nostri appare così rara e per questo così bella.

Non ho la presunzione di affermare di aver conosciuto Pietro Landra, ma ho la certezza che tutto ciò che ora esiste dell’Atletica Volpiano, esiste anche e sopratutto grazie all’apporto che persone come lui, con il loro esempio, hanno saputo dare fin da quel lontano 1969 in cui è iniziata la nostra storia. “Il Pietro” rimane nel mio immaginario l’uomo che in una vecchia foto dei nostri archivi, cronometro alla mano, assiste al cambio di una staffetta; una personalità che ha saputo dare tanto non solo alla nostra società ma anche ad altre realtà sportive volpianesi e all’atletica regionale.

Come attuale presidente dell’Atletica Volpiano mi sento quindi di dare un saluto a nome di tutta la società, di tutti gli atleti che l’hanno conosciuto e di tutti gli atleti che senza neanche saperlo ne vivono ogni giorno, nel nostro presente, i valori che ha saputo trasmettere e che sono diventati parte della nostra etica sportiva.

Arrivederci Pietro e grazie di tutto.

Marco Rossetti, Atletica Volpiano

nota: Il Santo Rosario sarà celebrato presso la Chiesa SS Pietro e Paolo di Volpiano domenica 11 maggio alle 19.00, il funerale avrà invece luogo sempre a Volpiano lunedì 12 maggio alle 15.00

Commenti ()